COSA SIGNIFICANO LE MISURE DEI CERCHI?

DIAMETRO DEL CERCHIO

Il diametro del cerchio, misurato in pollici, determina le misure degli pneumatici che si possono abbinare. Si calcola misurando la distanza tra i punti in cui la spalla dello pneumatico appoggia sul cerchio, escludendo la flangia della ruota.

LARGHEZZA DEL CANALE

La larghezza del canale, indicata in pollici, definisce la sede su cui viene montato lo pneumatico. La situazione ideale si ha quando la larghezza del cerchio e quella del battistrada dello pneumatico sono uguali, poichè le spalle sono dritte e c’è un’aderenza totale sul terreno. In caso di canale più stretto del battistrada, lo pneumatico tende a “bombarsi” e avere un’impronta a terra minore, in modo del tutto analogo alla presenza di pneumatici troppo gonfi; nel caso opposto, con canale più largo, lo pneumatico tende ad avere una gola centrale, con conseguente impronta a terra più piccola e divisa in due, in modo del tutto analogo ad avere pneumatici sgonfi.

ET

L’ET (anche detto offset), espresso in millimetri, definisce la distanza tra il piano centrale del cerchio ed il piano di fissaggio dello stesso. Se il piano di fissaggio del cerchio è perfettamente al centro si ha quindi un ET=0, se il piano di fissaggio è più spostato all’esterno si ha un ET positivo, mentre se il piano di fissaggio è più spostato all’interno si ha un ET negativo. Pertanto, a parità di larghezza del cerchio, un ET minore rispetto a quello di partenza comporta un aumento della carreggiata del veicolo.

NUMERO DI FORI

Si riferisce al numero dei fori per il fissaggio della ruota tramite bulloneria.

PCD

Il PCD (sigla dell’inglese ‘Pitch Circle Diameter) o interasse, espresso in millimetri, misura il diametro del cerchio immaginario che passa per il centro di tutti i fori di montaggio. Convenzionalmente, il PCD si esprime indicando sia il numero dei fori del cerchio che la misura del PCD stesso (e.g. 5×100 indica che il cerchio ha 5 fori e un interasse di 100 mm).

CB

Il CB (sigla dell’inglese ‘Centre Bore’) di una ruota è la dimensione del foro nella parte posteriore della ruota che la centra sul mozzo di montaggio dell’auto. È importante avere un foro centrale che corrisponda esattamente al mozzo per ridurre le vibrazioni mantenendo la ruota centrata. Il diametro del foro centrale viene misurato in mm.


COSA SIGNIFICANO LE MISURE DELLA BULLONERIA?

FILETTATURA

La filettatura è fondamentale per determinare l’accoppiamento tra i due elementi di fissaggio del cerchio (dado e colonnetta, o bullone e mozzo ruota). Si indica con una sigla composta da tre elementi: la prima lettera indica il tipo di filettatura, il primo numero indica il diametro esterno della filettatura (diametro nominale), il secondo numero indica la lunghezza della parte filettata. Per esempio, M12x1.5 indica la filettatura metrica ISO (a profilo triangolare con angolo di profilo a 60°) con diametro esterno di 12 mm e lunghezza della parte filettata di 12.5 mm.

CHIAVE

La chiave indica la distanza in mm tra i due lati opposti della testa esagonale del dado o bullone. Tale misura determina quella dello strumento chiave da utilizzare per il serraggio.

CHIAVE A BRUGOLA

La chiave a brugola è un tipo di chiave utilizzata per viti e colonnette a testa cava esagonale. La misura, espressa in mm, determina la distanza tra i due lati opposti dell’esagono.

SEDE

La sede indica l’accoppiamento tra l’elemento di fissaggio (bullone o dado) e la ruota. Può essere di diversi tipi: piatta, conica, sferica. Per una corretta installazione è necessario che il bullone o il dado abbia la stessa sede dei fori di fissaggio della ruota: l’utilizzo di viteria non adeguata può portare alla rottura della stessa e alla perdita della ruota. Non tutte le sfere e i coni sono uguali, EVO Corse gestisce gli accoppiamenti e fornisce le indicazioni e la viteria adeguata per il fissaggio.

TERMINALE

Il terminale di un dado può essere aperto o chiuso. I dadi a terminale aperto sono consigliati principalmente per le auto da corsa, dove i cambi ruota sono frequenti. Per le auto stradali si raccomandano invece i dadi a terminale chiuso, che proteggono la colonnetta da detriti e agenti atmosferici che potrebbero danneggiarla o comprometterne la filettatura.


COME VENGONO PRODOTTI I CERCHI EVO CORSE?

MATERIALE

I cerchi EVO Corse sono prodotti in g-AlSi7, una lega di alluminio e silicio che si presta molto bene al trattamento termico, processo che migliora del 20% le prestazioni meccaniche e che la rende attualmente la lega di fonderia migliore e più usata.

FUSIONE IN BASSA PRESSIONE

È la tecnica di fusione usata principalmente per le leghe g-AlSi7. In questo caso l’alluminio liquido a circa 700° viene iniettato nello stampo con una pressione di circa 1.2/1.5 Bar. L’alluminio liquido, sottoposto a pressione, riempie tutte le aree dello stampo prendendo la forma della ruota.

MADE IN ITALY

Tutti i cerchi EVO Corse sono interamente prodotti in Italia, presso gli impianti di lavorazione della sede di Castelfranco Veneto e dei partner commerciali.


QUALE È LA COPPIA DI SERRAGGIO INDICATA PER IL FISSAGGIO DEI CERCHI?

La coppia di serraggio consigliata è di 120 Nm per le autovetture e di 140 Nm per SUV, monovolume e fuoristrada (per una corretta coppia di chiusura, consultare il manuale dell’autoveicolo).


COME FACCIO A SAPERE SE UN ANELLO DI CENTRAGGIO È COMPATIBILE CON LA MIA MACCHINA?

La compatibilità dell’anello di centraggio è data dal diametro interno, se questo corrisponde al diametro del mozzo dell’auto, allora è compatibile. ATTENZIONE: è fondamentale assicurarsi che l’anello sia compatibile con il cerchio che si vuole installare, ovvero che il diametro esterno dell’anello corrisponda alla misura del foro centrale (CB) del cerchio.